Aids: “Cancellate tracce di Hiv da paziente sieropositivo”

A distanza di 12 anni ecco la notizia del secondo caso al mondo di remissione completa dall’HIV-1. Il merito va ad alcuni ricercatori dell’Imperial College londinese, in collaborazione con colleghi delle Università di Cambridge e Oxford. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica Nature. In effetti, seppur cautamente, gli scienziati ritengono che il loro “paziente di Londra“, sia guarito dalla terribile infezione virale, che colpisce circa 37 milioni di persone in tutto il mondo. Le attuali strategie per il trattamento dell’HIV prevedono l’assunzione di farmaci che sopprimono il virus (terapia antiretrovirale), che le persone affette da HIV devono assumere per tutta la vita.

Secondo caso al mondo di guarigione dal virus dell’HIV

Il nuovo caso di guarigione dall’HIV è stato registrato a distanza di più di 10 anni dal primo. All’epoca si trattò, del signor Timothy Brown, un uomo sieropositivo americano residente in Germania, noto come il “paziente di Berlino“.  Il “paziente di Londra”,  analogamente a Brown, è stato sottoposto al trapianto di cellule staminali da donatore portatore di una rara mutazione genetica di un co-recettore, il CCR5-delta 32, capace di rendere refrattari all’HIV. Dopo il trapianto, l’uomo ha avuto solo una lieve reazione e dopo soli 16 mesi ha potuto interrompere la terapia antiretrovirale. Le analisi hanno confermato l’assenza nell’Rna dell’Hiv-1 e, ora, a 18 mesi da quelle analisi, il virus risulta ancora in remissione: Non c’è nessun virus che possiamo rilevare, afferma Ravindra Gupta, autore principale dello studio e professore alla Divisione di infezione e immunità dell’Università di Londra . Il “paziente di Londra”, un uomo che ha voluto mantenere l’anonimato, ha contratto l’Aids nel 2003 e nel 2012 gli fu diagnosticato anche il Linfoma di Hodgkin, un tumore del sangue. Il trapianto è stato deciso nel 2016, quando il cancro è arrivato a uno stadio tale da non offrire ulteriori alternative di cura.

Nuove speranze per la cura dell’Aids

Il prof Ravindra Gupta, ha dichiarato: “Ottenendo la remissione in un secondo paziente con un approccio simile, abbiamo dimostrato che il paziente di Berlino non era un’anomalia e che erano davvero gli approcci terapeutici che hanno eliminato l’HIV in queste due persone” . Non mancano entusiasmo ed ottimismo da parte di molti scienziati che definiscono il risultato “eccitante” ed “incoraggiante”. Il prof Gupta e colleghi tuttavia ammettono che sia ancora troppo presto per dichiarare il “paziente di Londra” completamente guarito. L’uomo continuerà ad essere monitorato, per verificarne le condizioni nel lungo termine.

I limiti del trattamento dell’HIV con trapianto di cellule staminali

Gli ostacoli ed i limiti del trattamento dell’HIV con cellule staminali restano numerosi. L’impiego di tale terapia non è priva di rischi, effetti collaterali e non sembra funzionare su tutti i pazienti sieropositivi. Prima di questo secondo successo, numerosi infatti sono i tentativi passati falliti, che hanno visto la morte dei pazienti a causa del cancro o di complicanze legate al trapianto stesso, senza contare gli alti costi del trattamento e la difficoltà nel reperire i potenziali donatori. I portatori della mutazione di CCR5, rappresentano infatti solo 1% delle persone di origine nord europea, i quali nascono senza alcun recettore CCR5 sulle loro cellule immunitarie, avendo ereditato due copie del gene mutato da entrambi i loro genitori. L’eccezionale remissione dall’HIV del “paziente di Londra” rappresenta comunque un grande successo ed un importante punto di partenza per ulteriori nuovi approcci nello studio e nella comprensione di nuove possibili strategie di cura della malattia.

Correlati:


Anna Elisa

Ciao sono Anna Elisa Catanese, Dott.ssa in Scienze e tecniche erboristiche, autrice principale dei contenuti di questo sito web. Sono anche una cantante e creatrice di bijoux. Ho alle spalle collaborazioni come autrice di articoli con numerosi siti quali Blasting news e Dokeo. Su Natural Magazine troverete notizie inerenti salute, benessere, alimentazione sana, rimedi naturali e molto altro ancora.

2 thoughts on “Aids: “Cancellate tracce di Hiv da paziente sieropositivo”

Comments are closed.