Allergia e intolleranza alla caffeina: differenze, sintomi, diagnosi, trattamento

Ogni giorno milioni di persone nel mondo si danno la carica iniziando la giornata con una fumante tazzina di caffè. Ci sono mille modi per gustare questa favolosa bevanda (lungo, macchiato, marocchino, cappuccino, corretto, etc…) irrinunciabile rito, non solo mattutino. Ogni occasione è  buona per bere un caffè: esiste la pausa-caffè, il caffè per digerire dopo pranzo, ci diamo appuntamento per un caffè, etc.. C’è chi poi del caffè ne fa un uso smodato, magari per restare sveglio tutta la notte, nel tentativo di portare a termine un importante compito o per preparasi per un esame. Il caffè o meglio la caffeina, molecola farmacologicamente attiva del caffè, crea una sorta di dipendenza e capita di sentirsi totalmente “stonati” per tutto il giorno, se per qualche motivo non siamo riusciti a berlo come d’abitudine. I benefici riconosciuti al caffè sono molteplici, grazie alla presenza di importanti sostanze dal potere antiossidante, i polifenoli. Succede a volte di provare effetti poco gradevoli se se ne abusa, ma esistono persone che provano gli stessi sintomi anche dopo un solo caffè. Si tratta forse di allergia o intolleranza?

Sintomi dell’intolleranza alla caffeina

La maggior parte delle persone può tranquillamente bere fino a 400 milligrammi (mg) di caffeina al giorno, l’equivalente di poco più di quattro tazzine. Tuttavia, alcuni soggetti sono sensibili già a dosaggi molto inferiori, sperimentando tutta una serie di fastidiosi sintomi, tra cui:
  • battito cardiaco accelerato;
  • ansia;
  • nervosismo;
  • mal di testa;
  • insonnia;
  • disturbi gastrici.
Se anche a te capita di provare simili effetti potresti avere un’intolleranza alimentare non allergica alla caffeina. L’intolleranza è ben diversa dall’allergia alla caffeina, condizione ben più rara e con sintomi più gravi. 

Sintomi dell’allergia alla caffeina

I sintomi dell’allergia alla caffeina includono:

  • orticaria, un’eruzione pruriginosa composta da numerosi ponfi rossi;
  • gonfiore delle labbra e della lingua;
  • prurito alla bocca, labbra e lingua

In chi è allergico alla caffeina, questi sintomi possono manifestarsi entro un’ora dal consumo di caffeina. Alcune persone potrebbero sperimentare persino una grave reazione allergica in risposta alla caffeina, chiamata shock anafilatticoI sintomi di uno shock anafilattico possono includere:

  • grave gonfiore facciale, inclusi occhi, labbra, viso e lingua;
  • problemi di respirazione dovuti al gonfiore del viso;
  • difficoltà a parlare;
  • dispnea;
  • tosse;
  • nausea, dolore addominale o vomito;
  • battito cardiaco accelerato;
  • vertigini.

Cause dell’intolleranza e dell’allergia alla caffeina

Quando assumiamo caffeina, questa viene assorbita dal sangue a livello intestinale. Entrando in circolo può andare ad influenzare il funzionamento di diversi organi. A livello cerebrale, la caffeina blocca gli effetti dei messaggeri chimici che normalmente rendono sonnolenta una persona. Può anche aumentare i livelli di adrenalina nel sangue, il che rende il cervello ed il corpo più vigili e reattivi. In coloro che soffrono di intolleranza alla caffeina non allergica, la scarica di adrenalina da caffeina può causare i fastidiosi sintomi descritti in precedenza. Chi è allergico alla caffeina presenta invece sintomi causati da una reazione allergica, comuni a tutti i tipi di allergia, dovuti ad una risposta immunitaria abnorme verso una sostanza ritenuta dannosa dal nostro organismo. Quando un soggetto allergico consuma caffeina, il suo organismo produce un anticorpo chiamato immunoglobina E. L’anticorpo spinge le cellule a rilasciare istamina, allo scopo di scovare le molecole scambiate per dannose (allergeni). Ciò provoca un’infiammazione, che può portare a orticaria, prurito e gonfiore. Come suggerito da uno studio del 2014, si pensa che la differente risposta alla caffeina possa dipendere dalla genetica. Meno chiaro è il motivo per cui per alcuni di noi rappresenti un allergene. Uno studio tedesco suggerisce che ad agire da allergene possa essere la polvere depositata sui chicchi prima della tostatura. Uno studio più recente, del 2017, ipotizza che invece possa essere un tipo di muffa presente sui chicchi di caffè.

Diagnosi e trattamento dell’allergia alla caffeina

Come per altre allergie, è possibile eseguire un test cutaneo per diagnosticare l’allergia alla caffeina. Lo specialista metterà una piccola quantità di allergene sul braccio della persona e controllerà la pelle per individuare un’eventuale reazione allergica. Se compare un’eruzione cutanea, ciò potrebbe segnalare un’allergia. Se provate una reazione allergica dopo aver consumato caffeina, gli antistaminici da banco potranno aiutarvi a ridurre prurito, gonfiore o orticaria. In casi molto rari, un’allergia alla caffeina potrà causare uno shock anafilattico. Questo può essere trattato con un’iniezione di epinefrina. Chi sa di soffrire di gravi allergie spesso porta con sé una penna speciale per un’eventuale somministrazione. Se una persona mostra segni di uno shock anafilattico, contattare immediatamente il 118.

Alimenti e bevande da evitare e come superare l’astinenza da caffeina

Ovviamente la cosa migliore da fare in caso di intolleranza o allergia da caffeina è quella di evitare di bere caffè e di consumare gli altri alimenti e bevande contenenti caffeina, tra cui:
  • tè;
  • cioccolato; 
  • bevande energetiche.
In casi dubbi leggere sempre l’etichetta. La caffeina crea una certa dipendenza, quindi eliminarla può causare veri e propri sintomi da astinenza. Questi possono includere:
  • instabilità emotiva;
  • mal di testa;
  • irritabilità;
  • stanchezza.
Dopo una settimana di assenza di caffeina, i sintomi da astinenza normalmente passano, ma per agevolare il processo potrà essere utile:
  • fare delle piccole pause regolari se si sta lavorando al computer;
  • uscire a fare una passeggiata dopo pranzo;
  • bere molta acqua;
  • dormire abbastanza;
  • mangiare cibo sano.

Correlati:


Anna Elisa

Ciao sono Anna Elisa Catanese, Dott.ssa in Scienze e tecniche erboristiche, autrice principale dei contenuti di questo sito web. Sono anche una cantante e creatrice di bijoux. Ho alle spalle collaborazioni come autrice di articoli con numerosi siti quali Blasting news e Dokeo. Su Natural Magazine troverete notizie inerenti salute, benessere, alimentazione sana, rimedi naturali e molto altro ancora.