Ansia e paura: quasi la metà degli italiani inizia il 2019 senza energie

Ansia, paura, preoccupazione: il 2019 per gli italiani parte con il freno a mano tirato. Privi di entusiasmo ed energie, complice l’instabilità economica, la mancanza di lavoro, il clima non certo sereno che si respira ogni giorno, guardiamo al futuro con pessimismo ed apprensione . È così ci dipinge il sondaggio dell’Associazione Europea per il Disturbo da Attacchi di Panico (Eurodap) che ha coinvolto 834 persone di età compresa tra i 18 e i 67 anni. L’esperta Paola Vinciguerra psicoterapeuta e presidente Eurodap, ci spiega come ripartire da noi stessi per affrontare il nuovo anno con più ottimismo. Ma vediamo prima nel dettaglio come hanno risposto al sondaggi in questione gli italiani intervistati dall’Eurodap.

Il sondaggio Eurodap: le risposte degli italiani

L’ansia che attanaglia la gran parte degli italiani ha delle ragioni ben specifiche. Difatti più del 42% sostiene di non essere riuscito a recuperare le energie per affrontare il 2019; il 33% ha timore che la crisi economica aumenti e il 34% che possa condizionare anche la vita di coppia; il 42% mostra un crescente atteggiamento di preoccupazione e sfiducia nei confronti del futuro, il 68% teme infine di perdere il lavoro. Ma non tutto è perduto: siamo noi gli artefici del nostro futuro ed è da noi che dobbiamo ripartire«I presupposti per passare un anno soddisfacente e ricco di gratificazioni non si autogenerano – spiega Paola Vinciguerra, psicoterapeuta e presidente Eurodap – ma siamo noi gli artefici delle nostre vite. La forza interiore, la spinta ad agire, ad essere centrati sui nostri obiettivi deve partire da noi. Perché no, magari proprio da quei progetti non andati a buon fine o procrastinati per svariati motivi o semplicemente per paura. Trovare motivazioni forti e valide è necessario e funzionale alla nostra riuscita come persone nel mondo».

Come vincere l’ansia secondo l’esperta Paola Vinciguerra

L’ansia e la paura non devono bloccarci ed impedirci di vivere. Ecco allora quali sono i consigli della Dott.ssa Vinciguerra per un 2019 più sereno:
  1. No ad aspettative troppo elevate: sognare in grande fa bene al cuore, ma non dobbiamo perdere di vista la realtà, poiché avere aspettative troppo elevate può risultare frustrante quando poi ci si rende conto di non avere sufficienti risorse;
  2. Si a stimoli nuovi senza paura di fallire: accettiamo le sfide con entusiasmo sia sul lavoro che nella vita privata;
  3. Noi valiamo: apprezziamo ciò che siamo, ciò che abbiamo già raggiunto, non sottovalutiamoci, non svalutiamoci. Dobbiamo riconoscere i nostri stessi meriti, non darli per scontati, senza per questo dover cercare l’approvazione altrui;
  4. Mettere passione in ciò che facciamo: e se l’abbiamo persa, inutile insistere, andiamo a cercarla nelle cose, attività, persone, che più ci ricaricano;
  5. Non dimentichiamo mai di essere umani: accettiamo il fallimento e se ne vale davvero la pena riproviamoci.

Un 2019 senza ansie e paure

Per vincere ansie e paure per il nuovo anno ecco in fine un ulteriore esercizio, suggerito dalla psicologa Eleonora Iacobelli, vicepresidente Eurodap: «Prendete un foglio bianco e dividetelo in tre colonne dove risponderete a queste domande in riferimento al 2019: Cosa voglio fare? Chi voglio essere? Cosa voglio avere? Questo esercizio, accompagnato alla pratica meditativa, può aiutare a predisporsi ad accogliere le opportunità che questo nuovo anno offrirà».

Correlati:

 




Anna Elisa Catanese

Ciao sono Anna Elisa Catanese, Dott.ssa in Scienze e tecniche erboristiche, autrice principale dei contenuti di questo sito web. Sono anche una cantante e creatrice di bijoux. Ho alle spalle collaborazioni come autrice di articoli con numerosi siti quali Blasting news e Dokeo. Su Natural Magazine troverete notizie inerenti salute, benessere, alimentazione sana, rimedi naturali e molto altro ancora.

3 thoughts on “Ansia e paura: quasi la metà degli italiani inizia il 2019 senza energie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *