Perché l’aria secca favorisce l’influenza? Scoperti meccanismi

Il virus dell’influenza ama determinate condizioni climatiche che ne favoriscono la diffusione. Tra queste, temperature rigide e aria secca, condizioni che di solito abbiamo nel periodo invernale. Ma perché ed in che modo una bassa umidità ci fa ammalare più facilmente d’influenza? I ricercatori di Yale, guidati da Akiko Iwasaki, professore di Immunobiologia di Waldemar Von Zedtwitz, hanno esplorato la questione utilizzando topi geneticamente modificati per resistere alle infezioni virali, che utilizzano meccanismi di difesa analoghi a quelli umani. Lo studio è stato recentemente pubblicato su PNAS.

Come l’aria secca causa l’influenza

Per l’esperimento, due gruppi di animali sono stati alloggiati preliminarmente in camere con uguale temperatura, ma con umidità bassa o normale. In seguito i topi sono stati esposti al virus dell’influenza A. I ricercatori hanno scoperto che la bassa umidità sembra ostacolare la risposta immunitaria nei topi in tre diversi modi:

  1. Impedisce alle ciglia, che sono strutture simili a dei peli, presenti nelle cellule delle vie aeree, di rimuovere le particelle di virus e muco.
  2. Riduce la capacità delle cellule delle vie aeree di riparare i danni causati dal virus nei polmoni.
  3. Il terzo meccanismo coinvolge gli interferoni o le proteine ​​di segnalazione rilasciate dalle cellule infettate dal virus per allertare le cellule vicine alla minaccia virale. Nell’ambiente a bassa umidità, questo sistema innato di difesa immunitaria ha fallito.

Si agli umidificatori per prevenire l’influenza

Lo studio offre informazioni sul perché l’influenza è più diffusa quando l’aria è secca. “E ‘risaputo che dove l’umidità cala, si verifica un picco di incidenza e mortalità dell’influenza. Se i nostri risultati nei topi reggono negli esseri umani, il nostro studio fornisce un possibile meccanismo alla base di questa natura stagionale della malattia influenzale”, ha detto Iwasaki. L’aumento del vapore acqueo nell’aria grazie all’impiego di umidificatori in casa, a scuola, al lavoro e persino in ambienti ospedalieri è una potenziale strategia per ridurre i sintomi influenzali e accelerare il recupero, concludono i ricercatori.

Correlati:


Anna Elisa

Ciao sono Anna Elisa Catanese, Dott.ssa in Scienze e tecniche erboristiche, autrice principale dei contenuti di questo sito web. Sono anche una cantante e creatrice di bijoux. Ho alle spalle collaborazioni come autrice di articoli con numerosi siti quali Blasting news e Dokeo. Su Natural Magazine troverete notizie inerenti salute, benessere, alimentazione sana, rimedi naturali e molto altro ancora.