Salute: nel DNA non è scritto il nostro destino

Il DNA, la “tara” ereditaria che ci portiamo appresso fin dalla nascita, non inciderebbe poi tanto sul futuro della nostra salute. Nessun destino sarebbe infatti segnato ineluttabilmente da quanto trasmesso dai nostri genitori, secondo la scoperta dei ricercatori dell’Università di Alberta, Canada. Nell’articolo appena pubblicato sulla rivista scientifica Plos One, i ricercatori spiegano che l’ereditarietà può incidere per appena il 5% nello sviluppo di determinate malattie, tranne che in alcuni casi, come vedremo più avanti. Molto più determinanti sarebbero metabolismo, stile di vita, alimentazione, fattori ambientali, esposizione a virus, batteri, etc..

Il DNA incide per il 5% sulla salute

Nella più grande meta-analisi mai condotta su DNA e salute, gli scienziati hanno esaminato due decenni di studi sulla relazione esistente tra le comuni mutazioni genetiche, note anche come polimorfismi a singolo nucleotide (SNP), e diverse malattie e condizioni. Il prof. David Wishart, uno dei principali autori dello studio in questione, spiega: La stragrande maggioranza delle malattie, tra cui molti tumori, diabete e morbo di Alzheimer, ha un contributo genetico dal 5 al 10% al massimo.”

DNA e sviluppo delle malattie: eccezioni

Tuttavia sono saltate all’occhio alcune notevoli eccezioni, come morbo di Crohn, celiachia e degenerazione maculare, il cui contributo genetico incide per ben il 40-50%. “Nonostante queste rare eccezioni, sta diventando sempre più chiaro che i rischi per lo sviluppo della maggior parte delle malattie dipendono dal metabolismo, dall’ambiente, dallo stile di vita o dall’esposizione a vari tipi di nutrienti , sostanze chimiche, batteri o virus, sottolinea Wishart.

Stile di vita, fattori ambientali, alimentazione sono molto più determinanti del DNA

Per tali ragioni, Wishart e colleghi ritengono che la misurazione di altri parametri come metaboliti, delle sostanze chimiche, del proteine ​​o del microbioma siano molto più affidabili rispetto ai test sul DNA per la diagnosi e la predizione della gran parte delle malattie. Il prof. Wishart infine afferma: “Questa ricerca evidenzia anche la necessità di comprendere il nostro ambiente e la sicurezza o la qualità del nostro cibo, dell’aria e dell’acqua.”

Correlati:




Anna Elisa Catanese

Ciao sono Anna Elisa Catanese, Dott.ssa in Scienze e tecniche erboristiche, autrice principale dei contenuti di questo sito web. Sono anche una cantante e creatrice di bijoux. Ho alle spalle collaborazioni come autrice di articoli con numerosi siti quali Blasting news e Dokeo. Su Natural Magazine troverete notizie inerenti salute, benessere, alimentazione sana, rimedi naturali e molto altro ancora.

One thought on “Salute: nel DNA non è scritto il nostro destino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *