Sigaretta elettronica: vitamina E acetato causa EVALI, nuove prove

Una nuova ricerca riportata nel New England Journal of Medicine condatta dai Centers for Disease Control and Prevention (CDC) in collaborazione con l’Ohio State University Comprehensive Cancer Center – Arthur G. James Cancer Hospital e Richard J. Solove Research Institute (OSUCCC – James) rafforza le scoperte precedenti sul legame tra vitamina E acetato ed EVALI (lesione polmonare associata all’uso della sigaretta elettronica o vaping).

Vitamina E acetato: cos’è?

L’α-tocoferolo acetato, noto anche come acetato di vitamina E, è una forma sintetica di vitamina E. La vitamina E acetato è impiegata, quale ingrediente dalle proprietà antiossidanti e anti-invecchiamento, nella formulazione di prodotti cosmetici e integratori. Ma questo liquido dall’aspetto oleoso e normalmente innocuo viene anche addizionato ai liquidi illegali per le sigarette elettroniche contenenti THC (tetraidrocannabinolo, principio attivo della cannabis) con la funzione di addensante.

Vitamina E acetato e svapo: gli studi precedenti

Dopo i numerosi casi di EVALI c’è stata una corsa contro il tempo per scoprire perché e in che modo le sigarette elettroniche possano causare danni ai polmoni. Già il 5 settembre 2019, la Food and Drug Administration aveva annunciato che 10 su 18, ovvero il 56% dei campioni di liquidi per lo svapo analizzati, sospettati di essere correlati al recente focolaio di EVALI negli Stati Uniti, erano stati testati positivamente per l’acetato di vitamina E.

Recentemente, l’8 novembre 2019, i Centers for Disease Control and Prevention (CDC) hanno designato l’acetato di vitamina E quale maggiore indiziato per le malattie polmonari correlate allo svapo, pur non escludendo che queste potrebbero essere causate anche da altre sostanze chimiche presenti nei liquidi per le sigarette elettroniche. In particolare, l’analisi di campioni di fluido estratti dai polmoni di 29 pazienti con danno polmonare associato allo svapo, aveva evidenziato che la vitamina E acetato si trovava nel sito primario della lesioni di tutti e 29 i campioni. Ciò ha suggerito che quando la vitamina E acetato viene inalata, può interferire con il normale funzionamento polmonare.

Sigaretta elettronica: vitamina E acetato causa EVALI

Per questo nuovo studio, il CDC ha analizzato il fluido di lavaggio broncoalveolare (BAL) di 51 pazienti con EVALI provenienti da 16 Stati americani confrontandolo con il fluido BAL di 99 individui sani. La vitamina E acetato è stata individuata nel fluido BAL di 48 su 51 pazienti con EVALI, ma in nessuno di quello estratto da persone sane. Nessun’altra sostanza tossica è stato trovata nel fluido BAL di entrambi i gruppi, ad eccezione dell’olio di cocco e del limonene trovati, separatamente, in due pazienti con EVALI.

Il dott. Peter Shields, vicedirettore dell’OSUCCC e oncologo toracico presso The James, il quale ha guidato questa ricerca e alcune di quelle precedenti, commenta: “Questi risultati supportano la conclusione che la vitamina E acetato è un potenziale agente causale di EVALI e che è una scoperta importante quando vengono prese le decisioni su come regolare al meglio l’industria delle sigarette elettroniche in rapida evoluzione”.

Correlati:




Anna Elisa Catanese

Ciao sono Anna Elisa Catanese, Dott.ssa in Scienze e tecniche erboristiche, autrice principale dei contenuti di questo sito web. Sono anche una cantante e creatrice di bijoux. Ho alle spalle collaborazioni come autrice di articoli con numerosi siti quali Blasting news e Dokeo. Su Natural Magazine troverete notizie inerenti salute, benessere, alimentazione sana, rimedi naturali e molto altro ancora.

One thought on “Sigaretta elettronica: vitamina E acetato causa EVALI, nuove prove

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *