Capillari fragili e varici: rimedi omeopatici

Capillari fragili, teleangectasie (le micro dilatazioni dei capillari sottocutanei) e vene varicose, sono tutte condizioni riguardanti la salute delle vene, le quali colpiscono una donna su tre e, meno frequentemente, anche gli uomini. Oltre che antiestetiche le “ragnatele” di capillari dilatati e spezzati e soprattutto le varici (vene di calibro più grosso, ispessite e tortuose, di colore bluastro e in rilievo), possono comportare sintomi molto fastidiosi e talvolta gravi, riflesso di un’insufficienza venosa cronica. I rimedi omeopatici qui riportati possono contribuire ad alleviare gonfiore e bruciore delle gambe associati a capillari fragili e vene varicose. Ma prima vediamo come possiamo prevenire capillari fragili, teleangectasie e varici attraverso corretto stile di vita e dieta sana.

Come prevenire le varici: consigli dieta e stile di vita

In presenza di varici e fragilità capillare, il gonfiore e le sensazioni di pesantezza, calore e dolore alle gambe aumentano tipicamente con lo sforzo fisico (per esempio camminando) e al minimo contatto, mentre migliorano con le applicazioni di freddo (ghiaccio o garze imbevute d’acqua fredda) e sollevando le gambe. Ecco dunque alcuni consigli utili per la prevenzione di capillari fragili, teleangectasie e varici:

  • Svolgere regolare attività fisica a basso impatto come nuoto, ciclismo, yoga; passeggiate, etc.;
  • Non stare troppo seduti: anche se siamo costretti per lavoro, alziamoci ogni mezz’ora circa e facciamo qualche passo per riattivare la circolazione sanguigna ed evitare il ristagno venoso;
  • Non accavallare le gambe per non comprimere i vasi sanguigni;
  • Non stare troppo tempo fermi in piedi: muoviamo le gambe e facciamo qualche piccolo passo, anche marciando sul posto;
  • Usare le calze a compressione graduata: ottimo ed efficace rimedio per favorire il ritorno venoso;
  • Indossare abiti e calzature comode che non stringono o comprimono;
  • Tenere le gambe sollevate per favorire il ritorno venoso: ogni occasione è quella giusta, non dimentichiamolo. Un rimedio “classico” per combattere varici, gonfiore e bruciore associati è quello di porre un cuscino sotto i piedi durante il sonno;
  • Smettere di fumare;
  • Dieta ricca di vitamina c e antociani: questi principi attivi rafforzano le pareti venose, aiutandoci a prevenire il formarsi di teleangectasie, capillari spezzati e vene varicose. Scegliamo frutta e verdura che ne sono ricchi come: agrumi (limoni, arance, mandarini, etc.), kiwi, peperoni, pomodori, frutta e verdura blu-viola (mirtilli, more, ciliegie, melanzane, melograno, etc.);
  • Combattere la stitichezza: la stitichezza contribuisce alla comparsa e all’aggravamento dell’insufficienza venosa. Scegliamo alimenti ricchi di fibre che ci aiutino a regolarizzare l’attività intestinale come: cereali integrali, legumi, frutta, verdura, frutta secca. Ad una dieta ricca di fibre associamo sempre almeno 1 litro e mezzo d’acqua al giorno.

Cure omeopatiche contro varici e capillari fragili

I rimedi omeopatici più indicati per combattere capillari fragili, teleangectasie e vene varicose sono:

  • Arnica 5 CH: 5 granuli al dì per cicli di 3 settimane oppure, al bisogno 5 granuli 2-3 volte durante la giornata. L’arnica migliora la circolazione ed ha proprietà antinfiammatorie e antidolorifiche;
  • Apis 5 CH: 5 granuli al dì per cicli di 3 settimane oppure, al bisogno 5 granuli 2-3 volte durante la giornata. Questo rimedio riduce infiammazione e gonfiore delle gambe e risulta utile in caso di stasi circolatoria, in particolare quando localmente compaiono edemi e bruciori;
  • Hamamelis 5 CH: 5 granuli tre volte al dì. L’amamelide ha una spiccata azione vasocostrittrice periferica, tendente a ristabilire un equilibrio tra circolazione venosa e arteriosa.
  • Aesculus Hippocastanum 5 CH: 5 granuli tre volte al dì. Spiccata azione vasocostrittrice che si manifesta in particolar modo sul sistema venoso. Utile pertanto in molte manifestazioni come la pesantezza alle gambe e le gambe gonfie.

Modalità di assunzione: come tutti i rimedi omeopatici, anche quelli contro vene varicose e capillari fragili si assumono disciogliendo i granuli sotto la lingua lontano da pasti, caffè, tè e cibi a base di menta. Il trattamento si può ripetere per uno o più cicli della durata di 3 settimane ciascuno, cui segue sempre una settimana di sospensione, fino al miglioramento dei sintomi.

Correlati:




Anna Elisa Catanese

Ciao sono Anna Elisa Catanese, Dott.ssa in Scienze e tecniche erboristiche, autrice principale dei contenuti di questo sito web. Sono anche una cantante e creatrice di bijoux. Ho alle spalle collaborazioni come autrice di articoli con numerosi siti quali Blasting news e Dokeo. Su Natural Magazine troverete notizie inerenti salute, benessere, alimentazione sana, rimedi naturali e molto altro ancora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *