Acqua di cocco: cos’è, proprietà e benefici

Le noci di cocco sono il frutto (drupa) di Cocos nucifera, grande palma diffusa soprattutto nelle zone tropicali comprese tra il 22° parallelo nord ed il 24° parallelo sud, emblema di luoghi da favola dalle bianche spiagge e mare cristallino. Delle noci di cocco si consuma la polpa (seme), quale nutriente e fresco alimento, ma anche l’acqua, bevanda ricca di insospettabili proprietà e benefici. Sebbene siano necessari ulteriori studi scientifici per confermare molte delle qualità di questo prodotto naturale i risultati ad oggi sono molto incoraggianti.

Acqua di cocco: cos’è, dove si acquista

L’acqua di cocco è il liquido che si trova al centro delle giovani noci di cocco verdi che ha il compito di nutrire il frutto. Man mano che la noce di cocco matura, parte dell’acqua di cocco rimane in forma liquida mentre il resto matura nella solida e gustosa polpa bianca. Le noci di cocco impiegano in media 10-12 mesi per maturare completamente, ma l’acqua di cocco che troviamo in commercio viene estratta in genere da giovani noci di cocco di circa 6-7 mesi.

Importante: non confondiamo l’acqua di cocco con il latte di cocco, il quale è ottenuto dalla polpa grattugiata cui viene aggiunta acqua e talvolta zucchero. Mentre le bevande a base di cocco denominate “latte di cocco” contengono molti dei grassi del cocco e circa il 50% di acqua, l’acqua di cocco è costituita per il 94% di acqua e pochissimi grassi, ma in compenso è una buona fonte di fibre, vitamina C e diversi sali minerali, costituendo un vero e proprio integratore naturale.

L’acqua di cocco è leggermente dolce e dal sapore che ricorda le noci. Essa può essere bevuta direttamente dalla noce di cocco con una cannuccia: basta incidere la parte morbida di una noce di cocco verde per sorseggiare la nostra bevanda naturale. Conserviamo la noce di cocco fresca nel frigorifero e consumiamola entro due o tre settimane dall’acquisto. Possiamo anche acquistare l’acqua di cocco confezionata in bottiglia nella maggior parte dei negozi di alimenti bio o anche online. Assicuriamoci che sia acqua di cocco al 100% senza zuccheri aggiunti, dolcificanti o aromi.

Acqua di cocco: calorie e valori nutrizionali

Una noce di cocco verde media fornisce circa 1 tazza di acqua di cocco (240 ml). 100 ml di acqua di cocco possiedono i seguenti valori nutrizionali:

  • Calorie: 19 Kcal;
  • Carboidrati: 3,7 g;
  • Fibre: 1,1 g;
  • Proteine: 0,7 g;
  • Vitamina C: 2,4 mg, 4% della RDA;
  • Magnesio: 25 mg, 6% della RDA;
  • Manganese: 0,1 mg 7% della RDA;
  • Potassio: 250 mg, 7% della RDA;
  • Sodio: 105 mg, 4% della RDA;
  • Calcio: 24 mg, 2% della RDA.

Proprietà e benefici dell’acqua di cocco

All’acqua di cocco sono riconosciuti i seguenti benefici e proprietà:

  • Antiossidante: alcune ricerche su modello animale hanno dimostrato che l’acqua di cocco contiene molecole antiossidanti che neutralizzano l’azione nociva dei radicali liberi (1, 2, 3, 4), specie chimiche fortemente reattive che danneggiano le cellule sane e che sono alla base di invecchiamento e malattie come il cancro. L’acqua di cocco ridurrebbe inoltre la pressione sanguigna e i livelli nel sangue di trigliceridi, glicemia ed insulina (5);
  • Contrasta il diabete: la ricerca ha dimostrato che l’acqua di cocco può abbassare i livelli di zucchero nel sangue e migliorare altri indicatori dello stato di salute nel modello animale (6, 7, 8). Le proprietà antidiabetiche dell’acqua di cocco devono naturalmente essere confermate da studi sull’uomo, ma con i suoi 3 grammi di fibre e un contenuto di carboidrati digeribili di soli 6 grammi per tazza (240 ml), tale bevanda può rientrare certamente nella dieta dei pazienti con diabete. L’acqua di cocco è inoltre una buona fonte di magnesio, minerale capace di aumentare la sensibilità all’insulina e ridurre i livelli di zucchero nel sangue nelle persone con diabete di tipo due e prediabete (9, 10);
  • Può aiutare a prevenire i calcoli renali: bere sufficienti liquidi è importante per la prevenzione dei calcoli renali. In uno studio sui ratti con calcoli renali, l’acqua di cocco ha impedito ai cristalli di ossalato di calcio di aderire ai reni e ad altre parti del tratto urinario, riducendo anche il numero di cristalli precipitati nelle urine (11). I ricercatori ritengono che l’acqua di cocco aiuti a prevenire la formazione dei calcoli renali attraverso la riduzione della produzione di radicali liberi che si verifica in risposta a livelli elevati di ossalato nelle urine. Ulteriori studi saranno necessari per confermare tali proprietà;
  • Abbassa il colesterolo: alcuni esperimenti su modello animale hanno dimostrato riduzioni del colesterolo, dei trigliceridi nel sangue e riduzioni significative del grasso del fegato in ratti nutriti con una dieta integrata con 4 ml di acqua di cocco per 100 g di peso corporeo (12, 13). Ciò corrisponde grosso modo al consumo di 91 g di acqua di cocco al giorno per una persona di 68 Kg. L’azione ipocolersterolemizzante dell’acqua di cocco negli studi era del tutto sovrapponibile a quella delle statine, i comuni farmaci impiegati per abbassare il colesterolo, e merita pertanto ulteriori indagini per confermare tali proprietà sull’uomo;
  • Abbassa la pressione sanguigna: una delle proprietà maggiormente riconosciute all’acqua di cocco è quella di abbassare la pressione sanguigna. In un piccolo studio su persone ipertese, l’acqua di cocco ha migliorato la pressione sistolica nel 71% dei partecipanti (14). Del resto l’acqua di cocco contiene ben 600 mg di potassio in una tazza (240 ml), sale minerale che ha la proprietà di abbassare la pressione sanguigna nelle persone con pressione sanguigna alta o normale (15, 16). Uno studio sugli animali ha inoltre scoperto che l’acqua di cocco avrebbe proprietà anti-trombotiche, ovvero potrebbe aiutare a prevenire la formazione di pericolosi coaguli di sangue nelle arterie (17);
  • Bevanda ideale per gli sportivi: l’acqua di cocco è perfetta per ripristinare l’idratazione e ricostituire gli elettroliti, come potassio, magnesio, sodio e calcio, persi con il sudore durante l’esercizio fisico. Due studi hanno dimostrato che l’acqua di cocco è in grado di ripristinare l’idratazione dopo lo sport meglio dell’acqua e al pari alle bevande sportive ad alto contenuto di elettroliti (18, 19). I partecipanti hanno anche affermato che l’acqua di cocco avrebbe causato minori disturbi gastro-intestinali e nausea rispetto alle comuni bevande per sportivi. Tuttavia, un altro studio che ha confrontato le bevande ad alto contenuto di elettroliti, come l’acqua di cocco, ha scoperto che quest’ultima tendeva a causare maggior gonfiore e disturbi di stomaco (20).

Correlati:




Anna Elisa Catanese

Ciao sono Anna Elisa Catanese, Dott.ssa in Scienze e tecniche erboristiche, autrice principale dei contenuti di questo sito web. Sono anche una cantante e creatrice di bijoux. Ho alle spalle collaborazioni come autrice di articoli con numerosi siti quali Blasting news e Dokeo. Su Natural Magazine troverete notizie inerenti salute, benessere, alimentazione sana, rimedi naturali e molto altro ancora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.