Integratore di chetoni: migliora salute del cervello in persone obese

Secondo un nuovo studio della University of British Columbia, gli integratori di chetoni proteggono e migliorano la salute del cervello nelle persone con obesità. In precedenza era stata dimostrata l’utilità degli integratori di chetoni negli anziani con decadimento cognitivo lieve e demenza [1]. La nuova ricerca canadese, pubblicata su The Journal of Physiology, conferma le proprietà neuroprotettive grazie ad un trial con disegno crossover randomizzato in doppio cieco controllato con placebo

Integratore di chetoni e obesità: lo studio

Tra i vari effetti negativi dell’obesità sono inclusi lo sviluppo di disturbi cognitivi e di malattie neurodegenerative. Ciò come conseguenza della riduzione del flusso sanguigno cerebrale e del fattore neurotrofico cerebrale, BDNF, in risposta all’iperglicemia.

L’esperimento canadese ha incluso 15 adulti obesi di età compresa tra i 30 e i 69 anni. Ciascun volontario ha assunto tre volte al giorno per 14 giorni, 30 ml (12 g) di integratore di chetoni beta-idrossibutirrato o acido β-idrossibutirrico o (a sua insaputa) un placebo, 15 minuti prima di colazione, pranzo e cena. Tutti i pasti consumati dai volontari sono stati consegnati dagli stessi ricercatori. Dopo un periodo di washout di due settimane, chi aveva assunto il placebo ha assunto l’integratore e viceversa, per altri 14 giorni.

Integratore di chetoni migliora la salute del cervello

L’integratore di chetoni ha dimostrato di migliorare il flusso sanguigno al cervello e alcuni aspetti della funzione cognitiva, come la memoria di lavoro e la velocità di elaborazione. La funzione cognitiva è stata valutata utilizzando test convalidati tramite un’applicazione su un iPad. La velocità del flusso sanguigno nel cervello è stata misurata con l’eco doppler delle arterie carotidi. Analisi su campioni di sangue hanno rilevato un aumento della concentrazione sanguigna del fattore neurotrofico cerebrale.

Gli integratori contenenti acido β-idrossibutirrico sono sicuri per il consumo umano. L’acido β-idrossibutirrico è una fonte di combustibile endogena utilizzata da cervello, cuore e muscolo scheletrico durante i periodi di inedia. L’acido β-idrossibutirrico esercita effetti pleiotropici come molecola di segnalazione [2]. L’aumento dei livelli di acido β-idrossibutirrico circolante è ottenibile tramite il digiuno prolungato o una drastica riduzione dei carboidrati. Ma di recente sono stati introdotti in commercio integratori chetonici esogeni orali in grado di indurre una rapida chetosi nutritiva e attenuare l’iperglicemia. Il dottor Jeremy Walsh, primo autore del studio, conclude: “Una volta convalidato su un gruppo più ampio di persone, questi integratori potranno essere utilizzati per proteggere e migliorare la salute del cervello nelle persone con obesità.

Correlati:




Anna Elisa Catanese

Ciao sono Anna Elisa Catanese, Dott.ssa in Scienze e tecniche erboristiche, autrice principale dei contenuti di questo sito web. Sono anche una cantante e creatrice di bijoux. Ho alle spalle collaborazioni come autrice di articoli con numerosi siti quali Blasting news e Dokeo. Su Natural Magazine troverete notizie inerenti salute, benessere, alimentazione sana, rimedi naturali e molto altro ancora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.