Anthurium andraeanum: coltivazione e cura dell’anturio rosso

L’Anthurium andraeanum o anturio rosso è una pianta d’appartamento dall’aspetto molto elegante e raffinato, adatto ad arredare sia gli ambienti classici che moderni. La specie, appartenente alla famiglia delle Araceae, è diffusa in natura nelle aree tropicali e subtropicali del sud America (Colombia). Il genere Anthurium, coniato dal botanico austriaco Schott, si riferisce ai due termini greci anthos (fiore) e oure (coda), ad indicare il caratteristico spadice rosso a forma di coda o cornetto di questa ed altre specie affini.

Descrizione dell’Anthurium andraeanum

L’Anthurium andraeanum presenta un fusto caulescente, segnato dalle cicatrici lasciate dai piccioli delle foglie caduche. Le foglie, a forma di cuore, sono di colore verde brillante e raggiungono la lunghezza di 30 cm e la larghezza di 20 cm. Queste sono disposte verticalmente e su un lungo picciolo sottile. Quello che noi erroneamente indichiamo come fiore è in realtà un’infiorescenza. Essa è formata dalla spata, ovvero da una foglia modificata di colore rosso, e dallo spadice che è la parte centrale solitamente gialla, da cui originano i fiori veri e propri. La spata che emerge tra il fogliame, grazie al lungo picciolo, è di forma ovato-arrotondata. Essa presenta una superficie tipicamente bollosa di un bel colore rosso brillante, con un diametro di circa 10-15 cm. Lo spadice, ricurvo, è lungo anche 10-12 cm ed è di colore bianco-giallastro.

Esposizione e temperatura dell’ Anthurium andraeanum

L’esposizione ideale per l’Anthurium andraeanum dev’essere luminosa, ma mai ai raggi diretti del sole. Le correnti d’aria e gli sbalzi di temperatura andranno evitati. L’anturio rosso desidera una temperatura minima invernale tra i 16 e i 20 °C.

Innaffiature e fertilizzazione dell’anturio rosso

L’Anthurium andraeanum va annaffiato abbastanza frequentemente, senza esagerare, con acqua non calcarea. Impiegare per bagnare l’anturio rosso acqua distillata, acqua piovana o acqua lasciata prima a decantare. D’estate annaffiamo circa tre volte a settimana, in inverno è sufficiente una sola volta a settimana. Anche le foglie vanno vaporizzate con acqua distillata, ma non durante il periodo della fioritura. Fertilizzare la pianta con del fertilizzante liquido ogni 15 giorni durante lo sviluppo e nel periodo della fioritura.

L’Anthurium andraeanum o anturio rosso è una pianta d’appartamento dall’aspetto molto elegante: ecco tutti i segreti per coltivarlo e prendercene cura.

Riproduzione dell’Anthurium andraeanum

La riproduzione dell’anturio avviene per divisione dei cespi, per talea o per margotta. Il periodo ideale per effettuare la riproduzione dell’Anthurium andraeanum con uno di questi metodi è gennaio-febbraio.

Terreno per l’Anthurium andraeanum

Il substrato ideale per la coltivazione dell’Anthurium andraeanum dev’essere costituito da: 1/3 di sfagno triturato, 1/3 di sabbia fine e 1/3 di terriccio di bosco piuttosto fibroso. Porre sempre sul fondo del vaso dei ciottoli o dell’argilla espansa.

Parassiti e malattie dell’Anthurium andraeanum

L’anturio rosso è soggetto ad appassimento o ingiallimento delle foglie che può essere dovuto alle annaffiature eccessive o scarse o a correnti d’aria. Le infezioni da funghi provocano macchie scure sulle foglie. In questo caso asportare la foglia infetta e trattare la pianta con un apposito prodotto fungicida. Anche gli afidi possono colpire l’anturio rosso e si possono combattere con prodotti a base di solfato di nicotina o pulendo la pianta con una soluzione a base di sapone di Marsiglia: 5 g di sapone disciolto in un litro di acqua calda; lasciare intiepidire e procedere con il trattamento sull’anturio rosso.

Curiosità

Esistono numerose specie di anturio, come l’Anthurium scherzerianum, meno esigente dell’Anthurium andraeanum, nonché numerosi ibridi ed incroci derivati. Questi presentano infiorescenze dai colori più vari e stravaganti: dal giallo al rosa, al bianco e persino al nero.

Anturio nero: fonte foto www.tgcom24.it

Bibliografia:Fiori&Piante (1997) – Istituto Geografico De Agostini e DeAgostini Mailing s.r.l.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *