Cancro e microbiota: scoperto come i batteri intestinali combattono la malattia

Il microbiota intestinale è l’insieme dei microrganismi (microflora intestinale) che popolano il nostro intestino. La dottoressa Kathy McCoy, direttrice dell’International Microbiome Center, presso l’Università di Calgary, Canada, è una delle massime esperte della relazione esistente tra corpo e microbiota. Ella è convinta che intervenendo sulla microflora intestinale sia possibile migliorare la salute e curare molte malattie, compreso il cancro. Le nuova ricerca dell’Università di Calgary, che appare su Science, rivela quali sarebbero le specie batteriche più benefiche e con quali meccanismi agirebbero contro il cancro.

Microbiota intestinale: funzioni

Sappiamo ormai che un microbiota intestinale sano, costituto cioè da batteri “buoni”, si riflette su vari aspetti della nostra salute, che vanno ben oltre la funzione digestiva. Quest’ecosistema complesso contribuisce al buon funzionamento del sistema immunitario, alla produzione di vitamine (vitamina K, B12, etc.) e di alcuni amminoacidi e alla regolarità intestinale. C’è chi ipotizza anche un ruolo del microbiota nel controllo del peso corporeo [1], della glicemia [2] e della pressione sanguigna [3] e dunque nella prevenzione delle malattie metaboliche e di quelle cardiovascolari.

Di contro un microbiota malsano, ricco di specie dannose, causato ad esempio dall’uso di antibiotici, abuso di alcol o da una dieta poco equilibrata, comporta una condizione chiamata disbiosi intestinale. La disbiosi intestinale è caratterizzata da disturbi digestivi (diarrea, stipsi, gonfiore, flatulenza, etc.), infiammazione (colite), fino all’insorgenza di infezioni batteriche, reflusso, allergie, ipovitaminosi, malattie autoimmuni e tumori del colon.

Ancora tuttavia c’è molto da scoprire sulle funzioni del microbiota intestinale, vero e proprio organo vivo e attivo. La Dott.ssa McCoy spiega così le ragioni dietro il suo nuovo studio: “Studi recenti hanno fornito una forte evidenza che il microbiota intestinale possa influenzare positivamente l’immunità antitumorale e migliorare l’efficacia dell’immunoterapia nel trattamento di alcuni tipi di cancro, tuttavia, il modo in cui i batteri fossero in grado di farlo rimaneva un mistero”.

Microbiota intestinale: quali sono i batteri più utili contro il cancro

In primo luogo dunque, i ricercatori hanno identificato le specie batteriche intestinali associate ai tumori del colon-retto trattati con immunoterapia. Lavorando con topi privi di flora intestinale, hanno quindi introdotto nell’intestino dei roditori questi batteri specifici insieme al blocco del checkpoint immunitario, un tipo di immunoterapia utilizzata contro il cancro.

È stato così possibile individuare quali batteri specifici fossero essenziali per il funzionamento dell’immunoterapia. Le specie batteriche benefiche comprendevano: Bifidobacterium pseudolongum, Lactobacillus johnsonii e specie di Olsenella. I tumori si sono ridotti drasticamente. Sugli animali che invece non avevano ricevuto i batteri benefici (gruppo di controllo), l’immunoterapia non ha avuto alcun effetto.

Microbiota contro il cancro: meccanismo d’azione

“Abbiamo scoperto che questi batteri producono una piccola molecola, chiamata inosina, spiega il dott. Lukas Mager, ricercatore post-dottorato senior nel laboratorio di McCoy e primo autore dello studio. “L’inosina interagisce direttamente con le cellule T e, insieme all’immunoterapia, migliora l’efficacia di quel trattamento, in alcuni casi distruggendo tutte le cellule del tumore del colon-retto. In particolare la diminuzione della funzione di barriera intestinale indotta dall’immunoterapia ha aumentato la traslocazione sistemica di inosina e cellule T antitumorali attivate. Le cellule T sono i nostri “soldati” contro le neoplasie. L’effetto dell’inosina dipende dall’espressione delle cellule T del recettore A2A dell’adenosina e richiede la co-stimolazione.

Cancro e microbiota: nuove prospettive di cura

I ricercatori hanno confermato questi risultati incoraggianti anche nei confronti del tumore della vescica e del melanoma. Il prossimo passo per gli scienziati sarà quello di provare il potenziale anticancro del microbiota sull’essere umano. “Identificare come i microbi migliorano l’immunoterapia è fondamentale per progettare terapie con proprietà anti-cancro, che possano includere i batteri intestinali, afferma McCoy.

“Il microbiota è una straordinaria raccolta di miliardi di batteri che vivono dentro e intorno a noi ogni giorno. Siamo nella fase iniziale del comprendere appieno come possiamo utilizzare questa nuova conoscenza per migliorare l’efficacia e la sicurezza della terapia anti-cancro e migliorare la sopravvivenza e il benessere dei pazienti affetti da cancro.

Correlati




Anna Elisa Catanese

Ciao sono Anna Elisa Catanese, Dott.ssa in Scienze e tecniche erboristiche, autrice principale dei contenuti di questo sito web. Sono anche una cantante e creatrice di bijoux. Ho alle spalle collaborazioni come autrice di articoli con numerosi siti quali Blasting news e Dokeo. Su Natural Magazine troverete notizie inerenti salute, benessere, alimentazione sana, rimedi naturali e molto altro ancora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.