Cancro: bevande zuccherate e succhi di frutta 100% frutta, aumentano rischio

Lo zucchero rappresenta il nemico numero uno per la nostra salute, responsabile di molte malattie croniche, tra cui il cancro, diabete di tipo 2, malattie cardiovascolari, obesità. La via più semplice per fare il pieno del “dolce veleno” è quello di bere le comuni bevande zuccherate. Ma anche i succhi di frutta senza zuccheri aggiunti, ovvero costituiti dal 100% di succo di frutta inciderebbero altrettanto pesantemente nell’aumentare il rischio di cancro. Questo è quanto afferma un nuovo studio osservazionale, ovvero basato su una raccolta di dati statistici, condotto dalla Sorbona di Parigi, recentemente pubblicato su The BMJ.

Bevande zuccherate e cancro

Studi precedenti sui roditori avevano già suggerito che lo zucchero aggiunto alle bevande analcoliche (fruttosio) potesse promuovere la diffusione del cancro e alimentare la crescita del tumore. Del resto anche da noi in Italia, eminenti scienziati del calibro di Franco Berrino, sostengono da anni la presunta cancerogenicità degli zuccheri, in particolare del fruttosio, facilmente assunto in quantità eccessive attraverso le comuni bevande che si trovano in commercio. La nuova ricerca francese non fa dunque che confermare l’ennesima associazione tra bevande zuccherate e rischio di cancro aumentato.

Lo studio

Eloi Chazelas, del Centro di ricerca epidemiologica e statistica della Sorbonne Paris Cité, è il primo autore dello studio. Insieme al suo team di scienziati ha esaminato il legame tra assunzione di bevande zuccherate e varie forme di cancro in ben 101.257 adulti francesi, di 42 anni d’età in media. I ricercatori hanno ottenuto i dati dal NutriNet-Santé study. Le bevande esaminate includevano le “bevande zuccherate” intendendo prodotti industriali quali: bibite gassate, sciroppi, bevande alla frutta, succhi di frutta con il 100% di frutta senza zuccheri aggiunti, bevande zuccherate a base di latte, bevande per lo sport e bevande energetiche. I ricercatori hanno anche preso in considerazione le bevande dolcificate con dolcificanti artificiali, cioè “tutte le bevande contenenti dolcificanti non nutritivi, come bibite dietetiche, sciroppi senza zucchero e bevande a base di latte dietetico.

Utilizzando dei questionari alimentari online, i ricercatori hanno valutato il consumo da parte dei partecipanti di 3.300 diversi tipi di alimenti e bevande. L’osservazione clinica dei partecipanti è continuata per 9 anni. Durante questo periodo, i ricercatori hanno esaminato il rischio di “cancro in generale, della mammella, della prostata e del colon-retto”. Chazelas e colleghi hanno tenuto conto dei potenziali fattori confondenti, tra cui età, sesso, istruzione, rischio ereditario di cancro e fattori legati allo stile di vita, come fumo ed esercizio fisico.

Rischio cancro al seno aumentato del 22% ogni 100 ml di bevande zuccherate

Durante il periodo di follow-up, 2.193 partecipanti allo studio hanno sviluppato il cancro per la prima volta; questi avevano al momento della diagnosi, un’età media di 59 anni. In particolare 693 persone hanno sviluppato il cancro al seno, 291 il cancro alla prostata e 166 il tumore del colon-retto. L’analisi ha rivelato che per ogni aumento giornaliero di 100 millilitri nell’assunzione di bevande zuccherate, il rischio di cancro in generale aumentava del 18%, mentre il rischio di cancro al seno in particolare aumentava del 22%.

I rischi per succhi di frutta 100% e bevande con dolcificanti artificiali

Quando i ricercatori hanno analizzato separatamente il rischio indotto dall’assunzione di succhi di frutta al 100% di frutta, si è potuto dimostrare che sebbene questi aumentassero, come le bevande zuccherate, il rischio di cancro in generale e del cancro al seno in particolare, non sembravano incidere sull’insorgenza del tumore del colon-retto e del cancro alla prostata. Sorprendentemente le bevande dietetiche dolcificate artificialmente non sembravano aumentare significativamente il rischio di cancro. Tuttavia gli scienziati spiegano che le persone che consumavano bevande dietetiche lo facevano in piccolissime quantità, quindi tale dato è da interpretare con cautela.

Punti di forza e limiti dello studio

Sono gli stessi ricercatori ad elencare i punti di forza e i limiti del loro studio. In primo luogo, lagrande dimensione del campione e la sua valutazione dettagliata e aggiornata” delle bevande consumate, rendono piuttosto solidi i risultati. Ma questi potrebbero non essere ampiamente generalizzabili e persino sottostimati, poiché la coorte di studio non era rappresentativa dell’intera popolazione: “Poiché i partecipanti della coorte NutriNet-Santé erano più spesso donne, con comportamenti salutisti e livelli socio-professionali e educativi più elevati rispetto alla popolazione generale francese, questo potrebbe avere come risultato una minore incidenza di cancro rispetto a stime nazionali. “

Perché le bevande zuccherate causano il cancro?

Altre limitazioni includono l’incapacità di determinare la causalità e i potenziali errori di misurazione. Gli stessi autori infine ipotizzano che le bevande zuccherate possano aumentare il rischio di cancro in quanto lo zucchero influisce sul grasso viscerale, sui livelli di glucosio nel sangue e sui marcatori infiammatori, tutti fattori i correlati a un più alto rischio di cancro, come riportato in numerosi studi precedenti.

Per prevenire il cancro limitare bevande zuccherate e anche i succhi di frutta 100% di frutta

I ricercatori concludono: “Questi dati supportano l’importanza delle raccomandazioni nutrizionali esistenti per limitare il consumo di bevande zuccherate, tra cui il succo di frutta 100% di frutta, nonché azioni politiche, come le restrizioni fiscali e di marketing che prendano di mira le bevande zuccherate, che potrebbero potenzialmente contribuire alla riduzione dell’incidenza del cancro”.

Potresti essere interessato anche a:


Anna Elisa

Ciao sono Anna Elisa Catanese, Dott.ssa in Scienze e tecniche erboristiche, autrice principale dei contenuti di questo sito web. Sono anche una cantante e creatrice di bijoux. Ho alle spalle collaborazioni come autrice di articoli con numerosi siti quali Blasting news e Dokeo. Su Natural Magazine troverete notizie inerenti salute, benessere, alimentazione sana, rimedi naturali e molto altro ancora.