Capperi e quercetina: benefici su cervello e cuore, nuovo studio

La quercetina estratta dai capperi sott’aceto avrebbe la capacità di attivare i canali del potassio KCNQ ​​necessari per la normale attività cerebrale e cardiaca umana. La scoperta dell’Università della California potrebbe aprire la strada a nuove terapie per il trattamento dell’epilessia e delle aritmie cardiache. Lo studio è stato recentemente pubblicato sulla rivista scientifica Communications Biology con il titolo “The ubiquitous flavonoid quercetin is an atypical KCNQ potassium channel activator” (L’onnipresente flavonoide quercetina è un attivatore atipico del canale del potassio KCNQ).

Capperi e quercetina per un cervello ed un cuore più sani

I capperi sono i boccioli sotto sale, sott’olio o sott’aceto della Capparis spinosa, pianta dal portamento ricadente dai magnifici fiori bianchi, diffusa in tutto l’areale mediterraneo, su rupi calcaree, vecchie mura, in ambienti particolarmente aridi e soleggiati. Secondo i reperti archeologici provenienti dai depositi del suolo mesolitico in Siria e dalle abitazioni tardive dell’età della pietra in Grecia e Israele, i capperi venivano consumati come alimento già oltre 10.000 anni fa. I capperi sono stati tradizionalmente impiegati dalla medicina popolare per le loro presunte proprietà anticancro, antidiabetiche e antinfiammatorie e i loro possibili benefici sull’apparato cardiocircolatorio e gastrointestinale.

I capperi sono in assoluto l’alimento più ricco di quercetina. La quercetina è un bioflavonoide di origine vegetale, più precisamente un flavonolo (tetraossiflavonolo), costituente la componente aglicolica di vari glicosidi tra cui rutina e quercitrina. Le principali fonti alimentari di quercetina sono:

  • cappero;
  • vino e uva rossa;
  • cipolla rossa;
  • tè verde;
  • mirtillo;
  • mela;
  • propoli;
  • sedano.

La quercetina è presente anche in molte droghe vegetali utilizzate in fitoterapia: ippocastano; camomilla, Ginkgo biloba; calendula; biancospino; iperico.

Secondo quanto scoperto dai ricercatori californiani la quercetina consumata mangiando capperi avrebbe la straordinaria proprietà di regolare direttamente le proteine ​​necessarie per processi corporei quali battito cardiaco, pensiero, contrazione muscolare e per il normale funzionamento di tiroide, pancreas e tratto gastrointestinale.

Capperi e quercetina: regolano i canali del potassio KCNQ

In particolare la quercetina, sarebbe in grado di modulare i canali ionici del potassio nella famiglia del gene KCNQ regolando direttamente il modo in cui questi percepiscono l’attività elettrica nella cellula. I canali KCNQ incidono fortemente sulla salute umana e la loro disfunzione è collegata a diverse patologie comuni, tra cui diabete, aritmia cardiaca ed epilessia. L’estratto all’1% di capperi sott’aceto ha attivato tali canali importanti per le normali funzioni di cervello e cuore umani. Ulteriori indagini hanno rivelato il meccanismo molecolare dietro tale attività: la quercetina del cappero si lega a una regione del canale KCNQ richiesta per rispondere all’attività elettrica e, in tal modo, induce il canale ad aprirsi quando normalmente sarebbe chiuso.

Dai capperi potenziali farmaci per la cura di epilessia ed aritmie cardiache

“Ora che abbiamo capito come la quercetina controlla i canali KCNQ – ha affermato il Dott. Geoffry Abbott, presso i cui laboratori (Abbott Lab) sono stati effettuati gli esami – i futuri studi di chimica medica possono essere perseguiti per creare e ottimizzare piccole molecole correlate alla quercetina per un potenziale utilizzo come farmaci terapeutici.

“Aumentare l’attività dei canali KCNQ in diverse parti del corpo è potenzialmente molto utile”, conclude il dott. Abbott. “I farmaci sintetici che fanno questo vengono utilizzati per trattare l’epilessia e mostrano risultati promettenti nella prevenzione delle aritmie cardiache.”

Correlati:




Anna Elisa Catanese

Ciao sono Anna Elisa Catanese, Dott.ssa in Scienze e tecniche erboristiche, autrice principale dei contenuti di questo sito web. Sono anche una cantante e creatrice di bijoux. Ho alle spalle collaborazioni come autrice di articoli con numerosi siti quali Blasting news e Dokeo. Su Natural Magazine troverete notizie inerenti salute, benessere, alimentazione sana, rimedi naturali e molto altro ancora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *