Rosmarino: rimedio naturale contro la pressione bassa

La pressione bassa o ipotensione è per molti un disturbo fastidioso, ma non pericoloso, che torna puntuale ogni estate. Escludendo cause che meritino attenzioni mediche, afa, caldo e umidità possono infatti provocare cali di pressione, che si accompagnano a capogiri, senso di svenimento, confusione, visione offuscata e debolezza. Si parla di pressione bassa quando i valori pressori della pressione arteriosa a riposo scendono sotto i 90/60 mmHg. Un eccezionale rimedio naturale contro la pressione bassa è il rosmarino. Nel seguente articolo scopriremo come utilizzare il rosmarino per prevenire e combattere i cali di pressione e recuperare energie.

Pressione bassa d’estate: quali sono le cause?

L’ipotensione, in mancanza di altre condizioni quali gravidanza, uso di alcuni farmaci o presenza di patologie ad essa correlate, è una condizione benigna che colpisce persone geneticamente predisposte d’estate o quando fa troppo caldo. Il caldo fa alzare la temperatura del corpo, il quale adotta una serie di meccanismi nel tentativo di raffreddarsi: i vasi sanguigni si dilatano per favorire la dispersione del calore, cosa che però abbassa la pressione sanguigna; nel contempo aumenta la sudorazione che ci fa perdere liquidi e sali minerali. La disidratazione e il sudore eccessivo possono a loro volta essere tra le cause dell’ipotensione.

C’è poi l’ipotensione ortostatica, ovvero il calo improvviso della pressione sanguigna che si verifica quando ci alziamo di colpo da una posizione da seduti o dopo essere stati sdraiati. La forza di gravità fa sì che il sangue si accumuli nelle gambe quando ci alziamo. Di solito, il corpo compensa il cambio di posizione aumentando la frequenza cardiaca e restringendo i vasi sanguigni, assicurando così che sufficiente sangue ritorni al cervello. Ma in coloro che soffrono di ipotensione ortostatica, questo meccanismo di compensazione fallisce. La pressione sanguigna scende procurando vertigini, visione offuscata e persino svenimento. L’ipotensione ortostatica può verificarsi per vari motivi, tra cui disidratazione, riposo a letto prolungato, gravidanza, diabete, problemi cardiaci, ustioni, disturbi della circolazione sanguigna, disturbi neurologici o, anche in questo caso, a causa del caldo eccessivo.

Rosmarino: rimedio naturale contro i cali di pressione

Il rosmarino, Rosmarinus officinalis, è un arbusto tipico della macchia mediterranea, appartenente alla famiglia delle Lamiaceae. Il rosmarino è un’erba aromatica molto apprezzata in cucina, dalle proprietà stimolanti, digestive, antisettiche, colagoghe, diuretiche, toniche, vulnerarie, antireumatiche, antinevralgiche, ipolipidemizzanti, antiossidanti. Il rosmarino agisce sul sistema nervoso combattendo depressione, astenia, migliorando la memoria ed è un rimedio particolarmente utile in caso di super lavoro fisico e intellettuale.

Al rosmarino e al suo olio essenziale vengono inoltre riconosciute proprietà ipertensive [1] ed è sull’uso che se ne fa per combattere la pressione bassa che ci soffermeremo. Il rosmarino agisce sia stimolando il cuore che le ghiandole surrenali, poste sopra i reni, che regolano la pressione arteriosa. Il rosmarino permette al cuore si pompare più sangue, così che questo affluisca in maggior quantità là dove serve. Regola il tasso glicemico nel sangue, migliorando l’assorbimento degli zuccheri, combattendo così la mancanza di energia che si accompagna alla pressione bassa.

Come usare il rosmarino contro la pressione bassa

Coltivare il rosmarino in giardino o balcone può essere un buon modo per avere sempre a disposizione questa preziosa pianta aromatica. Per combattere la pressione bassa possiamo utilizzare il rosmarino fresco o secco in infusione, il macerato glicerico o l’olio essenziale di rosmarino. Ecco dunque come preparare e utilizzare i rimedi fitoterapici di Rosmarinus officinalis contro l’ipotensione:

  • Infuso di foglie e fiori di rosmarino: cogli i giovani getti e i fiori freschi di rosmarino e utilizzali in infusione all’occorrenza prima di giornate impegnative, per evitare i cali di pressione. Poni un cucchiaino di foglioline e fiori di rosmarino in una tazza e versaci sopra l’acqua calda; lascia riposare mezz’ora a tazza coperta, filtra e bevi l’infuso. In alternativa usa il rosmarino secco: 1 cucchiaio da frutta in una tazza d’acqua bollente, tenuto in infusione per 10 minuti da assumere prima o dopo i pasti.
  • Macerato glicerico di rosmarino o gemmoderivato: il macerato glicerico è un rimedio ricavato dai giovani getti di rosmarino, dal grande effetto tonificante e rinvigorente, oltre che anti-ipotensivo. Per questo andrebbe assunto preferibilmente al mattino. Sciogliere in un bicchiere d’acqua 50 gocce di macerato glicerico e bere.
  • Olio essenziale di rosmarino: per un immediato effetto tonificante, utile per combattere la pressione bassa, inaliamo e/o massaggiamo 1-2 gocce di essenza negli spazi interdigitali delle mani o sopra l’ombelico.

Avvertenze: non impiegare i rimedi a base di rosmarino in gravidanza o allattamento. I consigli riportati nel presente articolo hanno il solo scopo informativo e non sostituiscono il parere medico.

Correlati:


Anna Elisa Catanese

Ciao sono Anna Elisa Catanese, Dott.ssa in Scienze e tecniche erboristiche, autrice principale dei contenuti di questo sito web. Sono anche una cantante e creatrice di bijoux. Ho alle spalle collaborazioni come autrice di articoli con numerosi siti quali Blasting news e Dokeo. Su Natural Magazine troverete notizie inerenti salute, benessere, alimentazione sana, rimedi naturali e molto altro ancora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.