Dieta Lipetz delle buone e delle cattive calorie: cibi ammessi ed esempio di menù

Dieta delle buone calorie o dieta Lipetz per tornare in forma dopo l’estate.
La Dieta Lipetz potrebbe essere un buon modo per rimetterci in forma al rientro dalle vacanze estive. Questo regime dietetico prende il nome dal suo ideatore, il Dott Philip Lipetz, medico di San Francisco, noto per le sue ricerche su DNA ed invecchiamento. Il Dott Lipetz aveva un problema personale di sovrappeso e, pur sottoponendosi egli stesso a vari trattamenti dietetici e non, non riusciva mai ad ottenere i risultati sperati. Frutto delle sue ricerche ed esperienze è il libro The good calorie diet (la dieta delle buone calorie), pubblicato nel 1994, in cui viene illustrata una dieta dimagrante basata sul concetto che non tutti i tipi di calorie siano dannosi per il nostro corpo,ovvero non tutto ciò che mangiamo va a depositarsi su pancia, cosce e glutei sotto forma di antiestetici cuscinetti di grasso localizzato.

Dieta delle buone calorie: fase uno

Secondo le teorie di Lipetz, le calorie considerate “cattive” sarebbero quelle di origine animale, correlate all’era primitiva, quando l’uomo era costretto a cacciare per procurasi gli alimenti. Dannosi anche i cibi a cottura prolungata. La dieta delle buone calorie si divide in due fasi. La fase uno deve escludere completamente le calorie cattive e prediligere le cosiddette calorie “buone”.
Alimenti da escludere:
  • tofu;
  • qualunque cibo o bevanda dolcificata;
  • frutta secca;
  • frutta eccessivamente matura;
  • alcol;
  • carne grassa;
  • prodotti da forno;
  • cereali muesli;
  • condimenti eccessivi.
Alimenti da prediligere:
  • cereali integrali: chicchi interi (avena, segale, orzo, etc.), pane di segale, fiocchi d’avena, etc.;
  • legumi: piselli, fagioli, etc.;
  • pollo e tacchino: senza pelle e purché consumati lontani dai carboidrati;
  • verdure: ad esclusione di patate e carote;
  • frutta;
  • latte scremato e formaggi magri;
  • pesce “grasso”: pesce azzurro, salmone, trota, tonno, sardine etc.

Esempio menù dieta delle buone calorie

La dieta delle buone calorie prevede tre pasti principali, colazione, pranzo e cena e uno spuntino a metà pomeriggio.
Ecco un esempio di menù suggerito da Lipetz:
Colazione:
  • fiocchi d’avena o bastoncini di crusca con latte scremato;
  • spremuta d’arancia o un frutto freschi;
  • yogurt magro al naturale.
Pranzo:
  • zuppa di legumi con spezie ed erbe aromatiche;
  • macedonia di frutta fresca.
Spuntino:
  • verdure croccanti (finocchio, sedano, etc.) con formaggio spalmabile light.
Cena:
  • insalata di verdure a scelta (cetrioli, pomodoro, finocchi, etc.) condita con erbe aromatiche;
  • pane di segale integrale;
  • zuppa di verdure (es. spinaci);
  • lasagne vegetariane condite con verdure grigliate, pomodoro, formaggio magro, da alternare tra gli strati di pasta.

La dieta di Lipetz: fase due

La seconda fase della dieta delle buone calorie prevede, una volta raggiunto il peso forma, la progressiva reintroduzione degli alimenti di origine animale esclusi dalla prima fase, mai tuttavia in associazione ai carboidrati. La dieta delle buone calorie è un regime dietetico poco equilibrato che non va protratto per periodi di tempo prolungati per non incorrere in pericolose carenze. Una corretta alimentazione deve sempre garantire l’apporto di tutti i nutrienti, in questo caso potrebbe essere necessaria l’integrazione con multivitaminici. Consultare sempre il medico prima di affidarsi a diete fai-da-te.

Sei interessato a questo tipo di articoli e news? Segui i canali tematici dedicati a Corretta alimentazione e Rimedi naturali. Per farlo ti basterà accedere tramite l’account Facebook e cliccare su “segui”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *