Gengivite: 4 rimedi naturali

La gengivite si può combattere anche attraverso dei rimedi naturali. Essa non va trascurata in quanto può rappresentare la prima fase di condizioni ben più gravi, come la parodontite che, se non curate, possono portare persino alla perdita dei denti. I sintomi della gengivite includono gengive rosse, gonfie ed infiammate, che tendono a sanguinare facilmente, quando ci si lava i denti con lo spazzolino o si utilizza il filo interdentale. Per evitare l’instaurarsi di malattie gengivali importanti, occorre intervenire tempestivamente non appena notiamo i primi segni di gengivite. Molto utili risultano essere alcune semplici cure naturali, come quelle illustrate di seguito nell’articolo. 

Gengivite: rimedi naturali efficaci

1. Acqua e sale

Un semplice rimedio della nonna contro la gengivite è costituito da una soluzione di acqua e sale. Il cloruro di sodio presenta riconosciute proprietà disinfettanti, che trovano riscontro anche nella ricerca scientifica odierna. Per preparare il “collutorio” a base di acqua e sale procediamo così:
  • bollire dell’acqua e versarla in un bicchiere lasciandola intiepidire;
  • aggiungere 3/4 cucchiaini di sale;
  • procedere con i nostri risciacqui, dopo la consueta pulizia dentale, da ripetere fino a 3 volte al giorno.

2. Collutori naturali fai da te

Esistono diverse sostanze naturali che possono essere impiegate per preparare dei collutori fai da te, come oli essenziali e infusi di piante medicinali. Vediamo le più efficaci per la cura della gengivite:
  • olio essenziale di lemongrass: uno studio del 2015 ha dimostrato che questa essenza è più efficace dei comuni collutori nel combattere i disturbi gengivali.  Aggiungiamo 2-3 gocce di o.e. di lemongrass in un bicchiere d’acqua ed utilizziamo questa soluzione per i risciacqui, da ripetere fino a 3 volte al giorno;
  • tea tree oil: quest’essenza ha dimostrato, in uno studio del 2014, la sua efficacia contro il sanguinamento gengivale. Per preparare il collutorio aggiungere 3-4 gocce di essenza di tea tree in una tazza d’acqua tiepida. Data la possibile interazione del tea tree oil con altri farmaci, consultare il proprio medico curante prima del suo utilizzo;
  • salvia: uno studio del 2015 ha dimostrato come il collutorio a base di salvia riesca a ridurre significativamente i batteri che provocano la placca e dunque l’infiammazione delle gengive. Il collutorio alla salvia può essere preparato aggiungendo 2 cucchiai di salvia fresca o 1 di salvia secca in una tazza di acqua bollente. Lasciare in infusione l’erba per 10 minuti, filtrare e poi utilizzare l’infuso, una volta intiepidito, per dei risciacqui.

3. Gel di curcuma

La curcuma possiede innumerevoli proprietà tra cui quelle antinfiammatorie ed antifungine. Una ricerca del 2015 suggerisce come il gel di curcuma possa aiutare nel prevenire la formazione di placca e la gengivite. Il gel di curcuma è acquistabile presso le erboristerie più fornite. Per utilizzarlo al meglio applichiamolo sulle gengive, lasciamolo agire per 10 minuti e poi risciacquiamo con abbondante acqua corrente.

4. Olio di cocco

Strano che possa sembrare tra i rimedi naturali più efficaci contro la gengivite abbiamo, infine, l’olio di coccoUna ricerca del 2015 ha dimostrato come l’olio di cocco possa tornare utile contro placca e gengivite. Il trattamento consiste nel trattenere 2 cucchiaini di olio di cocco in bocca, per circa 30 minuti (cosa assai difficile le prime volte, per cui è consigliabile iniziare mantenendo l’olio per minor tempo). Sciacquare poi la bocca con acqua e procedere con la normale pulizia dei denti.

Correlati:


Anna Elisa

Ciao sono Anna Elisa Catanese, Dott.ssa in Scienze e tecniche erboristiche, autrice principale dei contenuti di questo sito web. Sono anche una cantante e creatrice di bijoux. Ho alle spalle collaborazioni come autrice di articoli con numerosi siti quali Blasting news e Dokeo. Su Natural Magazine troverete notizie inerenti salute, benessere, alimentazione sana, rimedi naturali e molto altro ancora.

3 thoughts on “Gengivite: 4 rimedi naturali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *