Gengivite: come prevenirla con la dieta

La salute della nostra bocca passa anche dalle scelte alimentari di ogni giorno. Oltre ad una corretta igiene orale, la giusta dieta può infatti fare molto per aiutarci a prevenire e ridurre i sintomi del più comune dei disturbi del cavo orale, la gengivite. La gengivite colpisce circa 23 milioni di italiani ed è caratterizzata da gonfiore, sensibilità e sanguinamento delle gengive. Se trascurata può evolversi nel tempo in una patologia ben più seria, la parodontite (nel 13-14% dei casi), la quale può provocare la perdita dei denti. Le sostanze nutritive più utili per gengive più sane e forti sono Omega 3, Vitamina C, D e fibre. Ciò è stato evidenziato anche da una ricerca tedesca che ha dimostrato come sia possibile ridurre del 40% l’infiammazione delle gengive grazie ad una dieta ricca di questi nutrienti. Ecco dunque di seguito quali alimenti scegliere e quali evitare per ridurre l’infiammazione delle gengive e salvare il nostro sorriso.

Omega 3 per ridurre l’infiammazione gengivale

Gli acidi grassi insaturi della serie Omega 3 possiedono un’azione antiflogisica che contrasta la produzione di citochine, le sostanze che favoriscono l’infiammazione, attivate, ad esempio, dall’assunzione di grassi animali saturi e zuccheri semplici. Fonti di Omega 3 sono:

  • pesce azzurro: sgombro, sardine, salmone, etc.;
  • noci;
  • semi di lino;
  • semi di chia.

Vitamina C contro il sanguinamento delle gengive

La vitamina C svolge attività antinfiammatoria e stimola il sistema immunitario. Inoltre è indispensabile per la formazione del collagene e del tessuto connettivo gengivale e riduce il sanguinamento. Fonti di Vitamina C sono:

  • agrumi;
  • kiwi;
  • pomodori;
  • peperoni;
  • rucola;
  • fragole;
  • ciliegie.

Vitamina D per aumentare la produzione di saliva

La vitamina D riduce l’infiammazione delle gengive ed evita la secchezza delle fauci attraverso la promozione dell’aumento della produzione di saliva. La saliva contiene enzimi protettivi della salute delle gengive. Fonti di vitamina D sono:

  • pesce azzurro;
  • olio di fegato di merluzzo;
  • uova;
  • fegato;
  • carne rossa;
  • formaggi;
  • funghi;
  • verdure a foglia verde scuro.

Fibre per nutrire i batteri “buoni”

Anche le fibre hanno un’azione benefica sulle gengive in quanto nutrono i batteri buoni che compongono la flora, rafforzando il sistema immunitario e favorendo l’eliminazione delle sostanze tossiche dall’organismo. Fonti di fibre sono:

  • verdura e frutta di stagione;
  • cereali integrali;
  • legumi;
  • noci e frutta secca in genere.

Gengivite: alimenti da evitare

Per prevenire la gengivite non bisogna abusare dei cibi che favoriscono l’infiammazione, come:

  • carni rosse e conservate;
  • zuccheri semplici, compresi quelli contenuti nei succhi di frutta e nelle bibite gassate;
  • alimenti ultra-processati, preconfezionati, cibo spazzatura o junk food.

Correlati:


Anna Elisa

Ciao sono Anna Elisa Catanese, Dott.ssa in Scienze e tecniche erboristiche, autrice principale dei contenuti di questo sito web. Sono anche una cantante e creatrice di bijoux. Ho alle spalle collaborazioni come autrice di articoli con numerosi siti quali Blasting news e Dokeo. Su Natural Magazine troverete notizie inerenti salute, benessere, alimentazione sana, rimedi naturali e molto altro ancora.

6 thoughts on “Gengivite: come prevenirla con la dieta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *