Bacche di goji: benefici riconosciuti dalla scienza, proprietà, controindicazioni

Le bacche di goji sono il frutto del Lycium barbarum e del Lycium chinense, piante arbustive perenni, che crescono spontanee sugli altopiani himalyani appartenenti alla famiglia delle Solanaceae. Considerate un vero e proprio elisir di giovinezza e lunga vita, nei paesi dell’estremo oriente, sono consumate da oltre 2000 anni, tanto che le loro virtù sono illustrate nel più antico trattato di medicina cinese, lo Huangdi Neijing. Ma le bacche di goji sono solo una delle tante mode alimentari o possiedono reali benefici per la salute? Ecco di seguito le proprietà vere o presunte delle bacche di goji, anche alla luce delle più recenti scoperte scientifiche.

Bacche di goji: cosa le rende così speciali?

Le bacche di goji sono tutt’altro che una scoperta degli ultimi anni. Il curioso nome goji è stato creato nel 1973 dall’etnobotanico nord-americano Bradley Dobos e richiama per assonanza il nome comune della bacca in dialetto cinese. Intorno alle proprietà curative del goji sono fiorite numerose leggende che ne esaltano la nomea di “elisir di giovinezza”. Una leggenda cinese narra che l’acqua di un pozzo circondato da piante di goji fosse capace di regalare salute e longevità ai monaci che vi si abbeveravano. Si crede inoltre che il leggendario erborista cinese Li Qing Yuen visse fino a 252 anni proprio mangiando bacche di goji.

Ma leggende a parte, le bacche di Goji meritano a tutti gli effetti l’appellativo di superfood poiché contengono numerosi preziosi composti fitochimici. In questo piccolo frutto rosso, dalla forma allungata, sono contenuti 18 aminoacidi, betacarotene, precursore della vitamina A dell’azione antiossidante, zeoxantina (un caroteonoide), vitamina E e C, quest’ultima in quantità ben superiore a quella delle arance. Le bacche di goji sono anche un concentrato di minerali fra cui germanio, dalle proprietà antitumorali, zinco e il minerale antinvecchiamento per eccellenza, il selenio.

Un’altra peculiarità delle bacche di goji è la presenza di speciali polisaccaridi, unici in natura, i Lycium barbaricum polysaccharides (LPB) che corrispondono a circa il 31% del peso del frutto. I polisaccaridi LPB, sono 4 zuccheri complessi dalle proprietà antiossidanti e immunostimolanti. Nelle bacche di goji non mancano infine Omega 3 e 6 e fitosteroli che contribuiscono al benessere dell’apparato cardiocircolatorio.

Le bacche di goji proteggono la salute degli occhi

Le bacche di goji proteggono la salute degli occhi grazie al loro alto contenuto di molecole antiossidanti. In particolare il carotenoide zeaxantina aiuterebbe a prevenire i danni oculari dovuti a invecchiamento, luce UV, radicali liberi e stress ossidativo. Il beta-carotene o provitamina-A è il pigmento responsabile del colore rosso-arancio nelle bacche di goji. Esso è vitale per la salute degli occhi, delle ossa, della pelle e per lo sviluppo cellulare. La quantità di beta-carotene nelle bacche di goji è tra le più alte di tutte le piante commestibili.

Uno studio riportato sulla rivista Optometry and Vision Science della American Academy of Optometry ha scoperto che gli anziani che avevano bevuto per 90 giorni succo di bacche di goji avevano aumentato significativamente i livelli di zeaxantina e altri antiossidanti nel plasma. Un secondo studio, riportato sulla rivista Drug Design, Development and Therapy, ha dimostrato che le bacche di goji possono proteggere la retina dalle cellule gangliari responsabili del glaucoma, una condizione che può portare alla perdita della vista.

Le bacche di goji rafforzano il sistema immunitario e donano energia

Le bacche di goji hanno proprietà adattogene, cioè aiutano l’organismo a superare i momenti di stress, energizzanti, protettive e immunostimolanti, in virtù del loro potere antiossidante, che è persino superiore a quello di melagrana e mirtilli. Le bacche di goji aumentano l’immunoresistenza rinforzando le naturali difese dell’organismo e sono l’alimento ideale per gli sportivi.

Proprietà anti-cancro delle bacche di goji

Sempre in riferimento all’alto contenuto di molecole antiossidanti, le bacche di goji sono capaci di fornire protezione contro il cancro. Gli antiossidanti rallentano la crescita tumorale, riducono l’infiammazione e aiutano a rimuovere le sostanze nocive dal corpo. Una ricerca sui topi, riportata sulla rivista Drug Design, Development and Therapy, ha scoperto che le bacche di goji possono inibire la crescita delle cellule tumorali e aumentare l’efficacia della chemioterapia.

Bacche di goji: per una pelle sana e radiosa

Il beta-carotene, di cui le bacche di goji ne sono una ricca fonte, è fondamentale per avere una pelle sana e radiosa. Questa provitamina, così come gli estratti delle bacche di goji, li troviamo spesso nella formulazione di creme anti-age, lenitive o dopo-sole. Ma le bacche di goji sono un toccasana per la pelle che agisce anche dall’interno. Uno studio del 2010, condotto su modello animale, ha dimostrato che bere succo di goji concentrato al 5%, sarebbe sufficiente per ottenere una dose di antiossidanti capace di proteggerci dai danni della luce UV, causa di invecchiamento ed altri disturbi cutanei.

Bacche di goji per la gestione del diabete

Le bacche di Goji sembrano possedere anche proprietà anti-diabetiche. Una ricerca del 2015 ha dimostrato che le bacche di goji riescono a bilanciare i livelli di insulina e glucosio nel sangue. Lo stesso studio ha collegato il consumo di questi frutti all’aumento dei livelli di HDL (colesterolo”buono”) nelle persone con diabete di tipo 2.

Bacche di goji contro depressione, ansia ed insonnia

Ma le proprietà delle bacche di goji non finiscono qui. Una ricerca del 2016 condotta sui topi dimostra che le bacche di goji possano migliorare la depressione e l’ansia. Un altro studio condotto negli Stati Uniti, questa volta sugli esseri umani, ha scoperto che bere succo di bacche di goji aiuti a migliorare i livelli di energia, l’umore e la salute dell’apparato digerente. I volontari, tutti adulti sani, hanno consumato per 14 giorni 120 millilitri di succo di bacche di goji al giorno o una bevanda placebo (gruppo di controllo). Dopo l’esperimento essi hanno riportato su dei questionari le loro sensazioni di benessere, salute neurologica e psicologica, eventuali sintomi muscoloscheletrici, disturbi digestivi o cardiovascolari e i possibili effetti collaterali.

I ricercatori hanno anche misurato pressione sanguigna, indice di massa corporea, peso, battito cardiaco e la vista di ciascun partecipante prima e dopo i 14 giorni di studio. Il gruppo a cui è stato fornito il succo di bacche di goji ha riferito di sentirsi più carico di energia, di aver migliorato capacità di concentrazione, le prestazioni atletiche, l’acuità mentale e la sensazione di calma e appagamento prima del 15° giorno. Lo studio ha anche mostrato una migliore qualità del sonno tra coloro che avevano consumato il succo di bacche di goji. Nessuno dei partecipanti ha manifestato effetti collaterali legati al consumo di succo di bacche di goji.

Bacche di goji per la salute del fegato

Una delle indicazioni della medicina tradizionale cinese è quella che vede le bacche di goji utili per il trattamento delle malattie del fegato. La ricerca su modello animale conferma che il consumo di bacche di goji possa prevenire la progressione la steatosi epatica alcolica o di altre malattie del fegato dovute all’azione di sostanze chimiche tossiche o di altri insulti. Inoltre è stato evidenziato che le bacche di goji possano inibire la crescita delle cellule del tumore al fegato.

Bacche di goji: controindicazioni ed effetti collaterali

Le bacche di Goji (fresche, secche, succo o integratori) sono generalmente sicure se consumate in quantità moderate (dose consigliata 30 g al giorno), tuttavia non sono prive di possibili controindicazioni ed effetti collaterali. I soggetti allergici o sensibili alla famiglia delle solanacee (melanzane, patate, peperoni e pomodori) dovrebbero evitare le bacche di goji, così come anche coloro che soffrono di allergia ai pollini. In questi casi un consumo eccessivo potrebbe causare orticaria, nausea e asma.

Le bacche di goji sono sconsigliate tra coloro che assumono i seguenti farmaci (consultare sempre il medico in caso di dubbi o domande), a causa delle possibili interazioni farmacologiche:

  • farmaci anticoagulanti: i composti di potassio e di sodio, presenti nelle bacche di goji sono anticoagulanti naturali. Associare il consumo di bacche di goji all’assunzione di farmaci che inibiscono la funzione della vitamina k, potrebbe provocare un eccesso di sostanze anticoagulanti aumentando il rischio di emorragie interne ;
  • farmaci per la pressione sanguigna: le bacche di goji sono degli antipertensivi naturali per cui l’associazione con i farmaci per il controllo della pressione alta potrebbe abbassarla in maniera eccessiva;
  • farmaci per la gestione del diabete: le bacche di goji contengono fitosteroli, licopene e potassio che svolgono un azione alcalinizzante che regola i livelli di glicemia nel sangue, per cui l’associazione con farmaci ipoglicemizzanti potrebbe causare degli spiacevoli effetti collaterali.

Per chiarire qualsiasi dubbio o domanda riguardante il consumo delle bacche di goji o di integratori a base di loro estratti, consultare sempre il medico di fiducia. Le informazioni ivi riportate non intendono sostituire il parere medico.

Correlati:




Anna Elisa Catanese

Ciao sono Anna Elisa Catanese, Dott.ssa in Scienze e tecniche erboristiche, autrice principale dei contenuti di questo sito web. Sono anche una cantante e creatrice di bijoux. Ho alle spalle collaborazioni come autrice di articoli con numerosi siti quali Blasting news e Dokeo. Su Natural Magazine troverete notizie inerenti salute, benessere, alimentazione sana, rimedi naturali e molto altro ancora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *